Michele De Lucchi . Milano

In mostra alla Galleria Antonia Jannone: diciannove tavolini, le nuove opere scultoree di Michele De Lucchi.

Come scrive Michele De Lucchi: “I tavolini sono un mondo molto speciale, e molto, molto vasto. Intanto sono “ini” e per convenzione mi immagino si distinguano dai tavoli perché sono più piccoli. Ma nessuno ha mai spiegato, né teorizzato cosa vuol dire più piccoli, quanto più piccoli, quanto più stretti, più sottili, più bassi e così via. I tavolini servono inequivocabilmente per molte cose e spesso per funzioni che non necessariamente si riferiscono all’uso convenzionale di mangiare, di scrivere, ecc. Per me i tavolini sono ancora di più, sono veri e propri modelli di architetture, con colonne, travi, piani, pavimenti, che ho fatto diventare una serie di piccole sculture, così come le mie casette, che ho realizzato nei giorni più caldi di questa estate, nel mio studio solitario di Angera”. Con queste parole, l’Architetto spiega la sua mostra presso la Galleria Antonia Jannone – Disegni di Architettura, in occasione della quale De Lucchi ha presentato 19 nuovi tavolini.

www.antoniajannone.it